Categoria: BiancoNero

“Cucali” a Stoccolma

Noi anconitani, possiamo dirlo, siamo di casa con i “cucali” (o gabbiani come si chiamano normalmente); l’essere circondati dal mare ce li rende più che familiari, non solo sulle banchine del porto ma anche in giro per la città.
Ma quelli che ho visto a Stoccolma vanno oltre ogni immaginazione; Stoccolma sorge su una infinità di isole di tutte le dimensioni ed è quindi intessuta di bracci di mare e di canali anche di notevole larghezza e così i gabbiani riempono il cielo (e strade e piazze) ad ogni ora del giorno e anche di notte, e ti fanno compagnia con le loro strida sgraziate e a volte (dis)umane…
Nella fotografia si vede una piazzetta in pieno centro, animata più dai gabbiani che dalle persone.


 

Pennichella?

A Cagli (PU) per la mostra del fotografo Adriano Gamberini “Incontri, sguardi, emozioni, colori lungo le strade del mondo”.
Da una sala all’altra l’occhio viene attirato da questa fuga di porte e in fondo una persona in relax.
Non era – come si può pensare – uno dei custodi, ma un signore che aveva deciso di prendersi una pausa rilassante, mentre la consorte visitava la bellissima mostra di Adriano.
De gustibus…


 

Portogallo – 2009

“Vecchiaia”: tutto diventa lontano, anche la stanza accanto (Carlo Gragnani)
Agosto 2009, Oporto (Portogallo); in una piazza gremita di folla in movimento e fittamente vociante l’occhio viene attirato da due vecchietti sulle scale della chiesa; sicuramente fratelli, data la somiglianza, vestiti di scuro, anche se uno dei due ai piedi porta delle simil-pantofole; i due arrancano sulle scale per un appuntamento con la preghiera, attirando lo sguardo e la tenerezza di tanti che fino a pochi istanti prima alimentavano il chiacchiericcio della piazza.
Si noti l’omino di destra che mostra una enorme somiglianza con l’attore Capannelle (Carlo Pisacane) famoso, tra l’altro, per I soliti ignoti e L’armata Brancaleone.


 

Il fratello piccolo dell’Amerigo Vespucci

Recentemente Ancona è impazzita per la presenza del veliero Amerigo Vespucci della Marina militare. File di ore per salire a bordo, uno spettacolo veramente bello, ma molto amplificato dal ruolo “nefasto” svolto sempre più sulla rete dai social.
E allora ho pensato di rivolgere un pensiero al fratello piccolo della Vespucci, il veliero goletta Palinuro, che il 20 giugno 2015 attraccò nel porto di Ancona, molto meno “cagato” dalle masse debordanti che in questi tre giorni si stanno riversando al porto.
… Potenza dei social media!!!
Per chi vuole sapere di più del Palinuro è utile questo link

Lieve brezza all’Arco

Per un fotoamatore vedere una grossa pozzanghera per strada ed iniziare a girarci intorno sono un tutt’uno.
Il fascino che una pozzanghera emana nei confronti dei fotografi è inesauribile.
Ed è inevitabile, quando ti capita una bella pozzanghera tra i piedi, cercare una angolazione che riveli un riflesso non scontato, di quelli che magari spesso si vedono sul web.
Quel giorno è capitato anche a me, mi è sembrato che le piccole rugosità sulla superficie dell’acqua rendessero intrigante quell’immagine riflessa, la ruota della bici solo in parte nitida, e la porzione dell’Arco di Traiano resa invece meno reale dalle rughe liquide.
Non lo so se tutto questo rientri nell’alveo della banalità o del dejà vu; io ho una idea, ma la tengo per me…